Home

Carissimi,

L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo ed il Protocollo Governo-CEI ci impongono di seguire alcune regole necessarie ad evitare al massimo possibili contagi durante le celebrazioni liturgiche. Vi chiedo di rispettare tutte le norme riportate di seguito e vi comunico che ad ogni celebrazione ci saranno dei volontari da me incaricati per favorire l’accesso e l’uscita, per vigilare sul numero massimo di presenze consentito e per garantire che vengano rispettate le distanze di sicurezza e l’uso dei dispositivi di protezione individuale.

Ricordo a tutti che motivi di età e di salute dispensano dal precetto festivo e che tutti coloro che non possono partecipare alla celebrazione liturgica potranno seguire le trasmissioni delle stesse in modalità streaming.

A tutti chiedo pazienza e correttezza nel rispettare le prescrizioni, certo che presto potremmo tornare alla normalità. Tutti affido alle preghiera.

Don Beniamino Di Renzo

ACCESSO AI LUOGHI DI CULTO IN OCCASIONE DI CELEBRAZIONI LITURGICHE

A) Il numero massimo di partecipanti consentito in relazione alla capienza dell’edificio è 45 persone per la CHIESA dell’ADDOLORATA e 115 persone per l’AUDITORIUM PAOLO VI

B) L’accesso individuale ai luoghi di culto si deve svolgere in modo da evitare ogni assembramento sia nell’edificio sia nei luoghi annessi, come per esempio lo spazio antistante l’ingresso.

C) Sia nell’entrata che nell’uscita del luogo di culto va rispettata la distanza di sicurezza pari almeno 1,5 metri. All’interno del luogo di culto le persone dovranno mantenere tra di loro la distanza minima di sicurezza, che deve essere pari ad almeno un metro laterale e frontale.

C) Non è consentito accedere al luogo della celebrazione in caso di sintomi influenzali/respiratori o in presenza di temperatura corporea pari o superiore ai 37,5° C. Non è consentito l’accesso al luogo della celebrazione a coloro che sono stati in contatto con persone positive a SARS-CoV-2 nei giorni precedenti.

D) E’ obbligatoria l’osservanza delle regole di igiene delle mani e l’uso di idonei dispositivi di protezione personale a partire da una mascherina che copra naso e bocca.